Seguici sui social

Italia

Andrea Pirlo appende le scarpette al chiodo: “È arrivato il momento di dire basta”

Andrea Pirlo verrà ricordato dalla Juventus come uno degli uomini della rinascita. Arrivato a parametro zero dal Milan, ha subito messo in chiaro il fatto che non era un giocatore finito e l’ha fatto capire a suon di giocate sublimi, di punizioni spettacolari e di goal goduriosi: come dimenticare il goal al Torino a due secondi dalla fine? Tutti momenti che ci resteranno per sempre davanti agli occhi, 4 anni favolosi per quanto riguarda la Juventus, ma Andrea è stato, ed è tutt’ora, un patrimonio del calcio non solo italiano ma anche mondiale scrivendo la storia di questo sport: il titolo mondiale a Berlino nel 2006 rimarrà per sempre tra i suoi trofei che ci hanno appassionato di più.

Purtroppo tutto quello che ha un inizio, molto spesso ha anche una fine ed Andrea ha deciso di appendere le scarpette al chiodo, una decisione che prima o poi doveva arrivare, anche se ci fa piangere il cuore. Ecco le sue parole rilasciate a “La Gazzetta dello Sport“:

“Non riuscivo più ad allenarmi come volevo a causa di qualche acciacco fisico. Ti accorgi da solo quando è il momento di dire basta. Ho delle idee in testa ma non so ancora cosa farò. Di sicuro rientrerò in Italia a dicembre (quando scadrà il suo contratto con il New York Fc n.d.r.) Io vice di Conte? Se ne dicono tante, di Conte mi è rimasta impressa la cura dei dettagli. Con lui una lezione al video di 20 minuti equivaleva a tre giorni di allenamento. Per quanto riguarda la questione allenatore, deve scattare la scintilla. Non è detto che se si è stati buoni giocatori si è automaticamente allenatori”.

Pirlo parla anche del momento tutt’altro che positivo che sta passando la Nazionale: “Una mancata qualificazione sarebbe disastroso per il movimento italiano, ma ci sono ancora i Play Off quindi c’è speranza che le cose possano mettersi bene. Con la Macedonia molto probabilmente è stata la tensione di fare risultato ad ogni costo che ha bloccato gli azzurri”.

 

Esprimi la tua opinione

Esprimi la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in Italia