Connect with us

Italia

Dybala ci crede: “Abbiamo la squadra per fare una grande Champions. Vi spiego come mi dice di giocare Allegri…”

Il primo gol stagionale ancora non è arrivato, ma è solo questione di tempo. Con queste prestazioni, d’altronde, non impiegherà molto anche lui a trovare la via della rete. Contro il Sassuolo ha disputato l’ennesima prova maiuscola ,condita da un assist all’amico Higuain per il il primo gol della Juventus e una “collaborazione” fortuita con Pjanic in occasione del terzo, dimostrando che il rosso rimediato con l’Argentina era cosa assimilata e già ben superata. Giocando più lontano dalla porta, in posizione di raccordo tra centrocampo e attacco, è forse più difficile per lui, in queste prime gare, trovare il gol. Ma magari Paulo Dybala segnerà nella prima di Champions, mercoledi sera contro il Siviglia. Sarebbe senza dubbio il modo migliore per sbloccarsi..

QUALITA’ E PALLEGGIO – Intervistato da Sky Sport, “La Joya” ha spiegato il gioco che vuole mister Allegri da lui: Il mister mi chiede di stare vicino ai centrocampisti e di aiutare i compagni a uscire palla al piede. Mi piace, abbiamo elementi di qualità ed è facile trovare l’uno due. Stiamo cercando di migliorare nel palleggio: abbiamo tanti giocatori tecnici e dobbiamo sfruttarne la qualità“.

DYBALA ASSISTMAN – Anche contro il Sassuolo Dybala si fatto è notare come uomo assist: “Ho visto che se la palla fosse passata si sarebbe trovato con la porta spalancata davanti. Se fosse passata credo che sarei stato applaudito, invece l’ha fermata il difensore e ora dicono tutti che avrei dovuto tirare… Se posso cerco sempre di servire i miei compagni. Con Higuain mi trovo molto bene, è facile giocare con lui visti i suoi movimenti”.

IL TRIDENTE SI PUO’ – Ieri l’argentino ha giocato con il Pipita, ma non è escluso un tridente pesante che comprenda pure Mandzukic: “Penso si possa fare, l’ho detto già dopo la partita contro l’Espanyol, quando avevamo provato, ma dipenderà dal mister. Siamo abituati al 3-5-2, ma a volte si può cambiare“.

TROPPO LEZIOSI – I primi 30 minuti di ieri sono stati super, poi la squadra si è specchiata su stessa ed è calata: “Il mister ci ha chiesto di entrare carichi e di mettere pressione agli avversari nei primi minuti. Poi siamo stati un po’ leziosi e probabilmente con un gol in più o chiudendo il primo tempo sul 3-0 sarebbe stato tutto più semplice. Dobbiamo migliorare da questo punto di vista e concedere meno“.

VOGLIA DI CHAMPIONS – Mercoledi c’è la prima di Champions contro il pericoloso Siviglia: “Ho tantissima voglia di giocare questa Champions. Penso che possiamo fare un grande torneo. Abbiamo i giocatori per farlo. Penso che dobbiamo continuare con la mentalità dell’anno scorso. Dobbiamo ricordare le partite che abbiamo fatto contro il Bayern Monaco che abbiamo dato tutto e siamo stati vicinissimi a passare il turno. Logicamente cercherò di aiutare e dare il massimo in questa partite. Cominciando da mercoledì e speriamo di poter regalare ai tifosi i primi tre punti“.

PJANIC GOL – Dybala è entrato anche nell’azione del gol siglato da Pjanic, provando a colpire il pallone prima del compagno: “Oggi l’ho rivisto e gli ho detto che forse il gol è mio… Noi scherziamo e sono contento, perché lo meritava già con il colpo di testa lo prendevo un po’ in giro per il salto che ha fatto che si è messo tra i due difensori. Quindi ci siamo fatti due risate”. 

Qualità, tecnica e velocità in campo. Allegria, spensieratezza e umiltà nello spogliatoio. Questo è Paulo Dybala. Il fuoriclasse argentino cheha ub solo obiettivo: portarela Juventus fino a Cardiff

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Italia