Connect with us

Coppe

Juventus, domani sera debutto europeo stagionale a Torino arriva il Siviglia

Sono passati sei mesi, da quel pazzesco 16 marzo, che ha visto la Juventus, ad un passo dall’eliminare i fortissimi ed esperti tedeschi, del Bayern negli ottavi di finale di Champions League, ma quello 0-2, a favore per colpa di inesperienza, errori individuali e sfortuna, si trasformò in una sconfitta clamorosa e pesante, nel giro di poco più di mezz’ora; l’ennesimo appuntamento mancato, con il tanto atteso acuto europeo forse però, ha avuto una data precisa ovvero, 7 dicembre 2015, quando i bianconeri, persero a Siviglia, per 1-0, sprecando tantissime occasioni da gol venendo costretti a perdere un primo posto, che sembrava già in “cassaforte” e di conseguenza, ci fu il sorteggio terribile, con le note conseguenze. Domani sera, con inizio alle ore 20.45 a distanza di nove mesi, dalla brutta serata spagnola, i bianconeri hanno l’occasione di servire una parziale vendetta sportiva agli andalusi; infatti,  si gioca la prima giornata del girone H, della nuova edizione del più ambito trofeo per squadre di club. I penta campioni d’Italia, ospitano i tre volte consecutive, campioni della Europa League allo “Stadium” di Torino. Rispetto alla scorsa “campagna” d’Europa, le due squadre, arrivano profondamente rinnovate dal calciomercato estivo. la “Vecchia Signora” ha investito tantissimo, con investimenti notevoli su centrocampo e attacco, ma anche il reparto difensivo è stato rafforzato. La Juventus, arriva alla vigilia dell’ennesimo assalto alla Champions, in un ottimo momento di forma, sul piano dei risultati, con tre vittorie consecutive, in altrettante sfide di campionato giocate. Cinque le reti realizzate, dagli uomini di mister Massimiliano Allegri, a fronte di due concesse. Tre sono state siglate dall’acquisto milionario quel Gonzalo Higuain, che già ha fatto letteralmente impazzire i suoi nuovi tifosi, ed è proprio lui, secondo gli addetti ai lavori, a dover trascinare i bianconeri in alto anche in Europa.

Molto attesi, anche Miralem Pjanic, altra spesa economica di rilievo, del mercato estivo bianconero, ma le giocate del giovane attaccante argentino Paulo Dybala, sono sempre da tenere in considerazione, anche perchè la Joya, è ancora a secco di reti, in questa primissima parte di stagione. Da segnalare anche, l’ex più atteso, quel Dani Alves, che ha scritto pagine indelebili con il Siviglia dal 2005 in poi, conquistando molti trofei, nazionali e non proprio con la maglia degli spagnoli andalusi. Il terzino brasiliano ha conquistato, due Coppe Uefa, Coppe di Spagna, e supercoppe, prima di alzare al cielo la coppa dalle grandi orecchie, con la maglia del Barcellona, per ben due volte. La speranza di poterla vincere con la squadra più amata d’Italia è stata la ragione del suo trasferimento a Torino. Allo “Stadium” però, arriva una squadra profondamente diversa rispetto allo scorso anno, a cominciare dalla guida tecnica; Unai Emery, ha deciso di lasciare dopo un’epoca trionfale accasandosi al Paris St.Germain, e al suo posto è arrivato l’ex tecnico del Cile, l’argentino Jorge Sampaoli. Molti gli acquisti sul mercato estivo,  Il più temuto è sicuramente l’ex palermitano Franco Vasquez, ma anche il francese Samir Nasri, che però domani non sarà della partita. Rigorosa attenzione al giapponese Hiroshi Kiyotake, che bene ha fatto nel campionato tedesco, negli anni scorsi, la dote più grande è la velocità palla al piede e il dribbling. In attacco attenzione a Luciano Vietto, Ben Yedder altro volto nuovo, ma con assoluta inesperienza in campo internazionale. Per partire bene la Juventus, dovrà giocare, con molta attenzione e poca frenesia, sfruttando anche una difesa avversaria, che non è per niente imperforabile. Infatti, al di là di un più che discreto avvio in campionato, gli andalusi hanno finora una media gol subiti da paura, almeno tre a partita, ma sono già due i successi. Anche il modulo tattico, è rinnovato Sampaoli, schiererà il 4-3-3;

 pochi cambi invece per i bianconeri, con grandissima parte dell’undici che ha schiantato il Sassuolo, con la solita difesa tutta italiana, Barzagli al posto di Benatia, e forse Dani Alves, al posto di Stephan Lichtseiner, fuori lista, almeno per la prima parte del torneo. Immutati, centrocampo e sopratutto attacco, ancora tutto argentino. Lo scorso anno, vittoria juventina per 2-0, il 29 settembre 2015, reti di Alvaro Morata Simone Zaza, due ex giocatori bianconeri. Arbitra il sig. Aytekin (Germania)

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Coppe