Connect with us

Coppe

Juventus, prima vittoria in Europa, ma occorrono piedi per terra

Era chiamata a vincere, nonostante la modestia tecnica e la crisi interna dell’avversario di turno e la Juventus, dopo la falsa partenza all’esordio, non ha deluso le aspettative. Ieri sera, la seconda partita stagionale dei bianconeri, in trasferta contro la Dinamo Zagabria, si è trasformata in una “passeggiata salutare” specie dopo il gol del raddoppio, firmato da Gonzalo Higuain, al primo gol assoluto in Champions League, con la nuova squadra; c’è stato un momento però, in cui la tensione è calata e infatti sullo 0-1, i bianconeri hanno rischiato di subire il pareggio, per via della traversa clamorosa colpita dai padroni di casa. Lo splendido gol, di Paulo Dybala dopo poco più di dieci minuti della ripresa ha messo tutto in discesa. Parliamoci chiaro però, perchè i croati se affrontati nel modo giusto, non rappresentano alcun pericolo, per il proseguo di questa campagna europea. E’altrettanto vero, che dopo questo poker, non bisogna adagiarsi sugli allori ed anzi, bisogna mangiarsi le mani per non aver vinto in casa, contro l’altra squadra più forte del girone H. Dopo la sosta per le nazionali, la Juventus sarà impegnata sul campo del Olympique Lione che rispetto ai balcanici, è tutt’altra pasta come tecnica, esperienza internazionale e collettivo di squadra. Mercoledì 21 ottobre, non sono ammessi errori, perchè una non vittoria complicherebbe e di molto il passaggio alla fase ad eliminazione diretta anche se la squadra di Max Allegri, avrebbe l’occasione di rifarsi a Torino, il prossimo 5/6 novembre nel return match, contro i transalpini, tenendo conto che molto probabilmente il Siviglia avrà la meglio sulla Dinamo, salvo sorprese;

L’OL, non è più quella macchina da “guerra” che dal 2001 al 2007, vinse sei scudetti di fila, centrando anche la qualificazione ai quarti di finale in Europa, ma in casa ha già battuto per 3-0 i croati e giocherà davanti al proprio pubblico nel nuovissimo Stade Des Lumeries. Sono due match da non fallire assolutamente per la Juventus. sopratutto il primo e se arrivassero sei punti, la “Vecchia Signora” metterebbe al sicuro la qualificazione agli ottavi di finale. Bisogna tenere a mente la faticosissima vittoria, nel finale nell’aprile 2014, quando la squadra di Antonio Conte, ebbe la meglio sul Lione, grazie ad un gol di Leonardo Bonucci all’88° ma in quel caso si trattava di Europa League.

La classifica è dalla parte dei bianconeri, che hanno un vantaggio di un gol segnato in più rispetto ai francesi, nelle due partite finora giocate e il Lione, ieri sera, non solo ha perso, ma è rimasto a secco di reti, e ha molto subito un’avversario che vantava molta più tecnica nel suo organico. La squadra di Allegri, deve fare di tutto per non arrivare a Siviglia il 25 novembre, con la classica “acqua alla gola” e visto l’amaro precedente dell’anno scorso, meglio non correre questo pericolo. Era da un pò di tempo, però che i bianconeri non si imponevano in trasferta, con un punteggio così netto e la squadra non è caduta nel tranello di sottovalutare l’impegno, vincere fa sempre bene, ma per proseguire in Europa ci sono ancora quattro partite e 12 punti in palio, bisogna avere la mentalità vincente in ogni partita.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Coppe