Connect with us

Italia

Juventus, primo big match stagionale contro il Napoli. I precedenti

Si sono contese lo scudetto, l’anno scorso, con un duello emozionante risoltosi solo ad una giornata dal termine, ed hanno iniziato questa stagione, confermandosi finora, le due squadre con gli organici più completi. Questa sera, alle ore 18:00, all’Allianz Stadium di Torino, la Juventus e il Napoli, si sfidano, per il primo big match di questo campionato. Il secondo anticipo della 7a giornata, propone la sfida tra la “Vecchia Signora” e i partenopei. I bianconeri affrontano gli azzurri, con tre importanti, ma poco indicativi tre punti di vantaggio in classifica, ma sono chiamati a proseguire la loro striscia positiva, fatta di sette vittorie consecutive tra campionato e Champions League; Entrambi gli allenatori, Massimiliano Allegri, e l’ex non tanto amato, Carlo Ancelotti, potranno schierare la formazione migliore possibile. Tante le stelle in campo, atteso il duello tra Cristiano Ronaldo Lorenzo Insigne e tra i due centravanti Mario Mandzukic e un Arkazdius Milik, sempre più in ripresa, dopo i noti problemi fisici che lo hanno condizionato, la scorsa annata.

Precedenti e Statistiche

A Torino si tratta della 73a sfida tra Juventus e Napoli. Il bilancio è favorevole ai torinesi con 44 affermazioni, 20 i pareggi e otto successi esterni degli azzurri. L’ultimo il 22 Aprile scorso, quando un gol del difensore centrale senegalese Kalidou Koulibaly al 93° riaccese le speranze tricolori del Napoli. Il confronto è valso lo scudetto già a metà degli anni 70′, ma è nel decennio successivo, che la sfida diventa incerta ed emozionante, perchè le due dirigenze, fecero sforzi economici importanti, per garantire alle loro squadre grandi campioni. Memorabile l’impresa degli azzurri, allo stadio comunale   il 9 Novembre 1986, per 1-3, trascinato da Diego Armando Maradona. Un anno e mezzo più tardi il 20 novembre 1988 la vittoria più netta del Napoli, in casa della Juventus (3-5) con una tripletta del brasiliano Antonio Careca. Anche nell’anno del secondo scudetto, gli azzurri riuscirono ad uscire imbattuti da Torino. Nelle sfide successive, vittorie bianconere, nel 1993 la sfida più ricca di reti, 4-3, che vide soccombere i partenopei solo nel finale, rete decisiva di Andreas Moeller. Nelle due sfide successive, altrettante vittorie juventina, ma il Napoli otterrà tre punti, con l’1-1 del 1995/1996, dove sogna l’impresa grazie al gol di Fabio Pecchia, rimontato, da Gianluca Vialli, ma per due volte, rimonterà il vantaggio avversario, nel 1996/1997, reti di Zinedine Zidane, per i bianconeri e Alfredo Aglietti per i campani. Nel marzo 1998, sembra Davide contro Golia, con il Napoli ultimo in classifica, ma i partenopei mostrano orgoglio con un meritato 2-2 trascinati da Protti e Turrini. Non bastò ai padroni di casa, uno splendido gol di Alex Del Piero. La “Vecchia Signora”torna a vincere nel 2000/2001 per 3-0, e in panchina c’era proprio Carlo Ancelotti, attuale tecnico del Napoli, reti di Darko Kovacevic, Filippo Inzaghi, e ancora Del Piero. Il Napoli soffre per tornare grande come un tempo, ma Aurelio De Laurentiis acquista e fonda una nuova società nel 2004 e quattro anni dopo, torna a sfidare la “signora” nel nuovo stadio comunale Olimpico, ma un gol di Vincenzo Iaquinta all’88° farà gioire i padroni di casa, così come nell’anno seguente grazie a Claudio Marchisio. 

Memorabile partita il 31 ottobre del 2009, gli azzurri tornano a vincere nella Torino bianconera dopo un’attesa lunga 21 anni, per 2-3, quando erano sotto erano sotto per 2-0, grazie ad un’ultima mezz’ora di partita con grinta e cuore, cancellando le reti di David Trezeguet Sebastian Giovinco. La squadra di Walter Mazzarri, rispose di uno scatenato Marek Hamsik, attuale capitano degli azzurri, con in mezzo il momentaneo pareggio di Jesus Datolo. Napoli imbattuto anche nel maggio 2011 con un 2-2, che gli vale, lo storico ritorno in Champions League. Nei cinque successivi precedenti, altrettante sconfitte per i partenopei. Il 1 aprile 2012, un grande secondo tempo, da parte dei padroni di casa, travolge gli uomini di Mazzarri, con Bonucci, Vidal, e l’ex Quagliarella. Sfida scudetto il 20 ottobre 2012, gli ultimi dieci minuti, saranno fatali agli ospiti, Martin Caceres all’80 e Paul Pogba al primo gol in serie A, due minuti più tardi. Nel 2014, altro 3-0 pesantissimo, con LLorente, e due splendide reti di Andrea Pirlo, e ancora di Pogba. Un anno dopo, a scudetto già assegnato le seconde linee bianconere infliggono un 3-1 a quelle azzurre. Scontro scudetto il 13 febbraio 2016, e Simone Zaza all’88° regala il primo posto in classifica alla Juventus, dopo un lungo periodo di rimonta in classifica. Altro match tricolore, otto mesi più tardi, e stavolta finisce 2-1 Bonucci, e dell’ex Gonzalo Higuain, per gli azzurri, il momentaneo pareggio, di Josè Callejon. Lo scorso anno, il già citato colpaccio azzurro allo Stadium, dopo nove anni di attesa.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Italia