Seguici sui social

Italia

La Juve travolge 2-6 l’Udinese, le pagelle di VB

Juventus a valanga nonostante l’inferiorità numerica. I bianconeri piegano 2-6 l’Udinese di Gigi Del Neri, nonostante l’inferiorità numerica a partire dalla metà del primo tempo causa espulsione di Mario Mandzukic. La Vecchia Signora non si lascia però sopraffare dal forcing dei friulani, che si fanno inizialmente rimontare il vantaggio, e poi trovano il pareggio alla Dacia Arena con rete di Danilo. Andiamo a vedere le pagelle del match.

Buffon – VOTO 7. Stenta sul goal di Perica, che segna per colpa di un errore della retroguardia bianconera, come al solito, nei primi minuti del match. Da lì in poi due miracoli mantengono la sua squadra sul vantaggio per 1-2. Una prova ottima, macchiata dalla poca concentrazione iniziale. Sta però pian piano riprendendo forma. Szczesny dovrà ancora aspettare, perché oggi il numero uno è parso essere molto vicino alla solita saracinesca. Monumentale.

Lichtsteiner – VOTO 6.5. Deve stringere i denti sulla sua fascia quando la squadra rimane in 10, ma usa la testa e non commette errori. Sembra sempre attento e concentrato, anche se rischia di combinare un pasticcio insieme a Chiellini – salvato poi da Buffon – per mancanza di comunicazione. Senza eccessiva lode, ma sicuramente non con infamia. Costante e preciso durante l’arco dei 90 minuti. Esce perché non ne ha più. (dal minuto 89′ Bernardeschi – S.V.).

Chiellini – VOTO 6.5. Sorpreso dall’avvio bruciante di Perica che si libera facilmente della sua marcatura ed insacca l’1-0. Da lì è un crescendo, e torna ad essere solido come sempre. Gode di buona salute, ma deve aiutare la squadra a migliorare nei movimenti difensivi. Qualcuno dovrà pur prendere in mano lo scettro del comando lì, e Giorgio è il più indicato. Solido.

Rugani – VOTO 7. Goal ed assist decisivi per lui. Voto inflazionato molto dalla sua incisività nel risultato, ma è colpevole di un brutto errore di scelta che spiana la strada a Perica. Dopo ciò, però, torna in sé e decide di fare le cose semplici. Non fa quasi mai rischiare i suoi e dimostra di poter crescere. Allegri è parso però avere un po’ di ragione… .

Alex Sandro – VOTO 6. Probabilmente quello un po’ più indietro. Non brilla della solita condizione, non appare animalesco come sempre. Necessità di tempo. Però a fine partita, sulle gambe, viene graziato dal non-VAR (usato in maniera incomprensibile all’interno della gara) e commette un’altra stupida ingenuità, mandando Allegri su tutte le furie, così come accadde contro lo Sporting. Deve ritrovare freschezza, ma non combina errori troppo grossi. Strappa comunque uno sporco sei.

Khedira – VOTO 8.5. Ne mette 3 e si porta a casa il pallone. Poco male per uno rientrato da una settimana che non segnava da otto match in Serie A. Ci mette qualità, sostanza, gioca coi compagni e decide di calarsi nella lotta ripulendo alcune situazioni e offrendo palle importanti ai suoi. Doveva mandare un segnale, soprattutto complice l’assenza di Matuidi. Oggi lo ha fatto alla grandissima. Partita immensa di un grande calciatore. La vittoria di Allegri, che lo rischia dal primo in una gara che sapeva sarebbe stata molto fisica e dura.

Pjanic – VOTO 7.5. È capace di mettere prima la sostanza e poi la qualità in una partita di quelle che non sembrano essere le sue. Invece sale in cattedra e viene fuori alla lunga, tenendo palla, facendo il buono e il cattivo tempo. Perla finale il grande goal con il quale l’Udinese viene schiantata. Nel ripulire la sfera e nel giocarla per i compagni è di un altro livello, e quando c’è in campo con la testa, lo fa vedere in pieno.

Cuadrado – VOTO 7.5. Uno dei migliori in campo. Oggi è ispirato, e sceglie sempre la cosa giusta. Risulta decisivo per spezzare i friulani, dispensa ammonizioni agli avversari, strappandone spesso la mediana. Fondamentale anche a fare muro dietro. Poi prende palla, e riparte. Magistrale la sua gara (dal minuto ’78 Barzagli – VOTO 6.5. Mette ordine, non si fa mai superare, chiude con rovesciate e sa cosa fare. Garanzia.)ù

Dybala – VOTO 7. A Paulo oggi manca soltanto la rete, che gli viene annullata (giustamente) nel secondo tempo. La partita però è dura, ma lui prende colpi, lotta e crea tanti grattacapi alle linee dell’Udinese. Mette palle velenose in area, fa un assist e causa il secondo goal di Sami. Una prestazione da giocatore consumato (dal 67′ Douglas Costa – VOTO 6.5. Fa vedere che sta entrando piano piano nei meccanismi della Juve. La sua gara è sporca, non ha possibilità di scatenarsi, ma i movimenti sono giusti e funzionali alla squadra. Apre il campo alla tripletta di Khedira ed è molto utile a far innervosire l’Udinese).

Manzukic – VOTO 5.5. Parte bene, ma ha sulla coscienza il secondo giallo che gli rifila il direttore di gara. Reazione stupida ed inutile che lascia la squadra in 10 in una fase delicata. Prima di ciò gioca bene, come sempre, ma viene penalizzato da una scelta incomprensibile dell’arbitro. Peccato.

Higuain – VOTO 8. Non è il migliore in campo solo perché la gara la decide Khedira. Non segna, è vero. Mi direte che per un centravanti non è poco. Però fa una partita MO-STRUO-SA. Si muove per la squadra, fa lavoro sporco in quantità, aiuta i compagni a segnare, fa tanta legna e sembra atleticamente fresco. Ne porta a spasso sempre 2 o 3 contemporaneamente. Se avesse segnato sarebbe stato fuori classifica. Prende un palo, il secondo in due gare. Sfortunato. Ma avrà tempo.

Allegri – VOTO 8. La squadra rimane in 10 e lui non ha paura. Mette Khedira dal primo minuto, nonostante tutto, e viene ripagato con una tripletta. Non si spaventa davanti al forcing dell’Udinese e lascia in campo quelli che ha voluto lui, passando in vantaggio. Dà respiro alla squadra nei momenti giusti con i cambi azzeccati. Risultato? Trionfo, nonostante qualcosa sia da registrare. Oggi è stata la sua gara.

Nato nella provincia di Terni il 20/04/1998, ama il calcio e la scrittura. Cerca di conciliare il tutto con una delle sue grandi passioni: la Juventus. È caporedattore di VoceBianconera.

Esprimi la tua opinione

Esprimi la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Altri in Italia