Connect with us

La Juventus continua la sua manovra di rinnovamento della rosa e dopo aver portato freschezza nel reparto offensivo con l’acquisto del classe’93 Paulo Dybala, pensa ad un altro ruolo delicato, ovvero quello dell’estremo difensore.

I bianconeri nella prossima stagione, salvo clamorose decisioni del diretto interessato, ripartiranno dal proprio capitano Gianluigi Buffon che nonostante le trentasette primavere ha dimostrato anche nel corso di questa stagione di essere il miglior portiere del campionato italiano e uno dei top a livello europeo con parate decisive nei momenti chiave della stagione bianconera.

Alle spalle del numero 1 ci sono Marco Storari e Rubinho con un contratto in scadenza al 30 giugno 2015. Il portiere brasiliano nelle tre stagioni disputate in bianconero ha alzato molti trofei giocando solamente 55 minuti nell’arco di due presenze e difficilmente verrà riconfermato come terzo nonostante la serietà e la professionalità dimostrate in questi anni, soprattutto perché la Juventus ha tanti portieri di giovane età sparsi per l’Italia che potrebbero giovare dei consigli di Buffon.

Per quanto riguarda Storari, invece, il discorso si fa un po’ più complesso perché il portiere toscano si è sempre dimostrato più che pronto quando è stato schierato da Allegri e da ancora garanzie tra i pali. Il numero 12 bianconero a 38 anni vuole vivere almeno un’ultima stagione da protagonista e questo potrebbe bastare a dividere le strade del club del giocatore, che negli ultimi giorni ha ricevuto un’importante offerta dal Bologna che vorrebbe puntare su di lui in caso di promozione, ma che è anche finito nel mirino del neo promosso Frosinone che vorrebbe un portiere di esperienza al quale affidare la propria salvezza.

Per il futuro il nome che si candida con gran forza alla maglia numero 12 della stagione 2015/2016 è quello di Neto che arriverebbe a parametro zero dopo essersi svincolato dalla Fiorentina, anche se attorno al suo nome circolano anche voci di un possibile prestito ad un terzo club nel quale possa esprimersi da titolare. Per il ruolo di terzo portiere è facile pensare all’inserimento di un giovane tra quelli già nella primavera bianconera come i classe’95 Citti e Vannucchi o il classe’97 Audero, oppure uno dei tanti ragazzi promettenti sparsi in prestito o in comproprietà, da Fiorillo a Leali, passando per Pinsoglio, Brignoli, Nocchi, Branescu, Anacoura e Gallinetta.

La certezza dunque resterà la titolarità di Buffon, dietro di lui si prospettano porte girevoli con un doppio cambio che porterebbe, forse, meno qualità ma certamente una maggior voglia di crescere e di imparare da uno dei migliori portieri di sempre.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Calciomercato