Connect with us

11:35 – Inizierà tra circa 1 ora la conferenza stampa di Claudio Marchisio Massimiliano Allegri, in vista della finale di Berlino contro il Barcellona di MessiNeymarSuarez. Per prepararci alla Champions League seguiremo insieme LIVE l’avvenimento, che inizierà alle ore 12:00, in diretta dalla sala stampa dello Juventus Stadium.

 

11:40  Alle ore 11:00 ha avuto luogo l’allenamento proprio allo Stadium, con la prima mezz’ora aperta ai media. Juventus e Bracellona che hanno rispettivamente vinto Serie A Coppa Italia contro Liga BBVA Copa del Rey, e puntano al triplete. L’ultima squadra a riuscire nell’impresa fu il Bayern Monaco.

12:00 – Meno 30 alla conferenza, a Berlino dovrebbero esserci i titolari di Allegri, potrebbe recuperare Barzagli ma si dovrebbe comunque prospettare un 4-3-1-2 con Buffon; Evra, Chiellini, Bonucci, Lichtsteiner; Pogba, Pirlo, Marchisio; Vidal; Tevez, Morata.

12:20 – Mancano soli 10 minuti, sono circa 200 i media accreditati per seguire Allegri e Marchisio!

12.30 – Tra pochi istanti ci sarà il via alla conferenza!

12:35 – Contrordine, conferenza posticipata alle ore 13.00

12.56 – Ci siamo, siamo partiti!

13.00 – Allegri: “Il pregio più grande della mia Juventus è l’essere una squadra caratteriale e tecnica, siamo migliorati nella consapevolezza e sono sereno. Per quanto riguarda Messi, di goal ne ha fatti anche più belli di quello di sabato, dobbiamo essere bravi. Hanno anche Suarez, messi ed Iniesta. Basta giocar bene per vincere! Abbiamo qualità e caratteristiche importanti e prepararsi al meglio per il Barça, abbiamo tutti grandi qualità e non dobbiamo pensare ad altro al di fuori del lavoro. La decideranno gli episodi Credo che il Barcellona giochi un calcio diverso dalle altre squadre, Messi e Neymar sono diversi, non dobbiamo fare grandissime cose, solo una partita compatta andando a limitare le loro qualità. La finale può finire anche ai rigori, dobbiamo essere pronti anche da quel punto di vista, ma non credo finirà così. Analogie con l’Italia 2006? Vediamo se riusciremo a vincere la coppa anche noi! Credo che una finale si debba giocare e penso sarebbe un risultato straordinario, in un anno straordinario, nell’anno della decima e del quarto scudetto consecutivo. Questo crea tanta adrenalina e non pensiamo al Barcellona. Tevez ha fatto un’annata straordiaria, è un calciatore importante. Faremo una finale all’altezza, con una preparazione semplice e tranquilla. Marcare Messi a uomo è impossibile, dobiamo lavorare bene intorno a lui, ma dobbiamo preoccuparci di tanti altri giocatori. Dobbiamo essere coraggiosi e saper soffrire nei momenti di difficoltà preparandoci ai nostri momenti favorevoli. Non andiamo a fare le vittime sacrificali! Ora c’è grande entusiasmo intorno a noi, erano diversi anni che l’Italia non raggiungeva una finale di Champions. Scetticismo intorno a me? Al Milan ho sempre raggiunto tutti gli obbiettivi, lo scetticismo è normale dopo l’addio di un tecnico come Conte, ma con la squadra e con la società abbiamo raggiunto grandi traguardi. Questa stagione passerà alla storia, dobbiamo esser bravi e fortunati sabato.Come andrà a finire lo vedremo sabato, l’ho affrontato tante volte, ci vorrà pazienza e forza mentale. Ci vuole bravura. Il clima? Ottimo, abbiamo 5 giorni a questa partita, è straordinario esserci arrivati, dobbiamo rendere il tutto ancora più straordinario. E’ divertente preparare una finale di Champions, sono fortunato ad avere una squadra del genere. Ci siamo confrontati con i campioni d’Europa del Real, dobbiamo però comportarci molto meglio col Barça, dobbiamo essere bravi, in partita secca siamo più avvantaggiati noi” 

Marchisio: “Non ho paura della finale, ma felicità e tensione. Se vediamo l’inizio della stagione, nessuno puntava su di noi. Viviamo l’attesa con serenità, ma dobbiamo preparare bene il match, perché è comunque una finale di Champions. Carlos ci ha fatto fare un grande salto di qualità, presentato in maniera sbagliata, ha sempre lavorato tanto, è entrato bene in squadra ed è doventato un giocatore fondamentale. E’ un momento che sognano tutti sin da bambini, è un avvenimento importante, c’è voglia di scendere in campo e dimostrare le grandi qualità, rispettando il Barcellona, giocando fino alla fineSappiamo la grande voglia di vincere che c’è in città ed in società. Le possibilità sono 50 e 50, vogliamo portare la finale a casa! Pirlo è un grande professionista che può risolvere la partita con una punizione, lui e Iniesta sono due campioni che hanno fatto le fortune della propria nazionale. Il top nei loro ruoli!”

13.15 – Termina così la conferenza, mancano 5 giorni a Berlino, il sogno potrebbe diventare realtà! L’attesa è grande, e grande sarà la partita.

Nato nella provincia di Terni il 20/04/1998, ama il calcio e la scrittura. Cerca di conciliare il tutto con una delle sue grandi passioni: la Juventus. È caporedattore di VoceBianconera.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Coppe