Connect with us

Calciomercato

Matuidi rimpiange la Juventus: “La mia volontà non è stata rispettata. Volevo andare via, ma il Psg ha detto no…”

Il mercato della Juventus è stato eccellente. Mancava solo la ciliegina sulla torta, un centrocampista che potesse sostituire (con caratteristiche diverse) Paul Pogba. Purtroppo non è arrivato nessuno. Nelle ultimissime ore di mercato Marotta e soci hanno provato a prendere Witsel, senza riuscire nel loro intento. Il primo obiettivo della lista, infatti, era proprio un connazionale del Polpo, ma anche lui è stato blindato dalla società (in accordo con l’allenatore) proprio quando il suo trasferimento sembrava cosa fatta. Per questo motivo Blaise Matuidi è rimasto, a malincuore, al Paris Saint Germain.

RIMPIANTO JUVENTUS – Intervistato da Telefoot, il centrocampista francese ha manifestato il suo rimpianto per non esser potuto andar via da Parigi: “C’era un’offerta concreta, volevo andare via, ma il Psg ha detto no e devo accettarlo“.

COLPA DI EMERY – Come nel caso di Witsel, stoppato da Lucescu a poche ore dalla chiusura del calciomercato, anche per Matuidi ha pesato la scelta del suo allenatore Unai Emery: “Per me è stato un periodo abbastanza delicato, la mia volontà non è stata rispettata anche se non mi trovo male al Psg. Il nuovo allenatore  ha molta fiducia in me e questo ha pesato molto sulla decisione del club”.

Spesso gli allenatori decidono per il bene delle loro squadre senza considerare la volontà dei propri giocatori. I casi Witsel e Matuidi ne sono una prova. Bene o male che sia, entrambi sono stati costretti a restare nei rispettivi club controvoglia. Chissà che in un futuro prossimo uno tra il il francese e il belga non possa indossare la grande casacca bianconera…

 

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Calciomercato