Connect with us

Rubriche

Pagelle VB – Juventus-Sampdoria, l’era dei ritorni

I TOP e i FLOP di Juventus-Sampdoria per Voce Bianconera.

 La notizia del giorno porta il suo nome: Benedikt Höwedes. Il difensore tedesco torna tra le gerarchie dei titolari dopo un lungo e sofferto periodo ai box. Allegri non ci pensa due volte: lo lancia subito nella mischia e lui risponde con un gran segnale: gol e prestazione eccellente. Il centravanti croato continua a confermarsi cardine di una Juventus decisiva, che non può più fare a meno del suo Douglas Costa: essenziale, essenziale… e ancora, essenziale.

È la Juventus dei “colpevoli“, di coloro che puntualmente subiscono tutte le accuse del branco, evitandole a chi si salva soltanto per il nome.

Volano promozioni, certezze ma anche bacchettate tra i voti delle pagelle di Juventus-Sampdoria per Voce Bianconera!

Ma ancor più importante, vola la Juve: vantaggio in aumento sui partenopei. Per un finale di stagione al passo della Leggenda.

Forza, ragazzi!

BUFFON 6,5 – Padrone assoluto, in campo e fuori. Al diavolo i moralisti, caro Gigi. Sì, sei il nostro Capitano, ci difendi e ne siamo onorati. ORGOGLIO

HOWEDES 7 – Poteva chiedere un ritorno migliore? Un calvario premiato con una prestazione superlativa, fatta di chiusure perfette e tempi di inserimento notevoli, anche in zona gol. Il campione di cui tanto si parlava nella terra dei crucchi. IL RITORNO

RUGANI 6,5 – Le sue migliori qualità vengono a galla quando c’è bisogno di marcare: pulito ed efficiente come pochi. SODDISFACENTE

CHIELLINI 6 – Non il guerriero a cui siamo abituati: rischia più del dovuto, soprattutto in una ripartenza di inizio ripresa, ma nel complesso porta a casa una buona sufficienza. BARCOLLA MA NON MOLLA 

ASAMOAH 5,5 – Elogiato spesso e volentieri per la sua immancabile corsa e dedizione, oggi viene oscurata da qualche errore di troppo. IMPRECISO

KHEDIRA 7 – Com’era quella storia per cui più criticate un giocatore e più quest’ultimo vi smentisce? Se avesse un titolo, porterebbe il nome del tedesco. VENDETTA (80′ STURARO s.v.)

PJANIC 5,5 – Stanco, lento e prevedibile. Dalla sua sostituzione, col senno di poi, avviene la svolta della partita. RIMANDATO (43′ COSTA 8 – Eccola qui, la svolta. Può un giocatore decidere un match da solo, ma non andando mai in rete? Se di nome fai Douglas Costa, la risposta sarà inevitabilmente affermativa. Guardare per credere. DEVASTANTE)

MATUIDI 6 – Meno lucido del solito, ma fondamentale per quanto riguarda corsa, tattica e sacrificio. PRESENTE

CUADRADO 6 – Puntando l’uomo è il migliore, ma oggi viene a mancare della sua arma migliore, limitandosi a svolgere IL COMPITINO

MANDZUKIC 7 – Settimana maestosa per l’attaccante croato. Quando si tratta di incidere, di distinguersi, di fare la differenza, il centravanti ha pochi rivali al mondo. Dai tempi di Baviera. Negarlo è sinonimo di incompetenza. DECISIVO

DYBALA 6 – Tanta voglia e poca concretezza. OPACO (66′ BENTANCUR 6 – Gestisce il risultato e insacca una buona sufficienza. PROMOSSO)

Allegri 7 – Non gli si può chiedere di più. La sua squadra surclassa i blancos (punita soltanto da una vergognosa decisione da tramandare nei secoli), si porta a +6 dalla rivale e ad un passo dalla storia. INDISCUTIBILE MAX

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Rubriche