Connect with us

Coppe

Semifinale Tim Cup: verso Atalanta-Juventus

Vinte Torino e Genoa, la Juventus torna in semifinale di Coppa Italia anche quest’anno, sfidando i nerazzurri presso lo stadio di Bergamo. Accadeva l’undici gennaio 2017, solo un anno fa, che con Dybala, Mandzukic e Pjanic i bianconeri di mister Allegri battevano l’Atalanta per un risultato di 3-2, volando fino alla vittoria conclusiva contro la Lazio.
Una competizione che, all’apparenza sottovalutata, è sempre stata gestita con attenzione negli ultimi anni di trionfi juventini. Dai tempi di Conte ad oggi, i plurititolati campioni d’Italia sarebbero arrivati ad immagazzinare 12 coppe Italia, con un totale di 5 seconde posizioni.
Sul fronte opposto l’Atalanta, attualmente allenata da Gian Piero Gasperini, conserva un’unica vittoria del trofeo nazionale, con due secondi posti complessivi. Tuttavia, una squadra evidentemente cresciuta, quella bergamasca che nel corso delle ultime stagioni si è fatta posto tra le big. Dal lontano tredicesimo posto dell’annata 2015\16, in quella successiva i nerazzurri hanno conseguito un gratificante quarto posto, lottando anche oggi per la scalata della classifica della Serie A.
Dopo i grandi risultati in Europa League e l’eliminazione del Napoli, negli orizzonti di Gasperini naufragano buone speranze di successo: con Cristante trequartista e il Papu Gomez in attacco, il team di casa potrebbe diventare pericoloso per i bianconeri.
Ma Max Allegri, non arrendevole e ormai conduttore di molte sfide importanti, ha buone armi per rispondere alle strategie atalantine. Il neo-quarantenne, amato capitano della Juventus, Gigi Buffon, torna in campo dopo una fetta di torta e dello spumante. Ad accompagnarlo Chiellini, Benatia, Lichtsteiner, Alex Sandro; Khedira, Pjanic, Matuidi in centro e Bernardeschi, Higuain e Mandzukic davanti. Proprio Gonzalo, artefice del secondo gol con il Chievo, dopo aver ritrovato la porta sarebbe stasera la scommessa del mister, come di consueto alla ricerca della vittoria. Non a caso, nel corso della conferenza di vigilia, Allegri avrebbe respinto categoricamente l’opzione turn over, dimostrando quella fame di conquista che scorre nelle vene juventine: «È nella nostra storia. Bisogna pensare ai singoli obiettivi passo dopo passo. Ci mettiamo sempre in discussione per migliorarci. È sempre tutto da conquistare».

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Coppe