Connect with us

Breaking News

Serie A, la Juventus riparte contro la Fiorentina

Esattamente 90 giorni dopo, la vittoria dell’undicesima Coppa Italia della sua storia, nella finale contro il Milan, questa sera la Juventus scende in campo, alle ore 20.45, per la prima partita ufficiale della stagione agonistica 2016/2017 nel secondo anticipo di campionato, allo “Stadium” di Torino, è subito sfida impegnativa per i bianconeri, che ricevono la visita della rivale storica Fiorentina. La “Vecchia Signora” arriva a questa partita, dopo aver disputato, un precampionato più che positivo, sopratutto per la buona tournèè oltreoceano, finita sopratutto senza infortuni gravi, rispetto allo scorso anno. Dopo quattro campionati consecutivi, questo è il primo senza Paul Pogba, ceduto al Manchester United, la società è ancora alla ricerca di un sostituto adatto sul mercato, ma mister Massimiliano Allegri, può affidarsi all’esperienza del tedesco Sami Khedira, e alla gioventù di Mario Lemina, che dovrebbe restare nonostante numerose offerte di mercato, specie dall’estero. Per ora, queste sono le certezze, in questo settore del campo, per il tecnico toscano, in attesa di riabbracciare Claudio Marchisio, ma solo tra un paio di mesi; e’ fervente però, l’entusiasmo dei tifosi, che si aspettano grandi cose dalla squadra, sopratutto dopo una campagna acquisti perfetta, dove la società torinese ha investito quasi 160 milioni di euro totali, più della metà per portare in bianconero due dei giocatori stranieri più amati della Serie A ovvero, l’ex romanista, il centrocampista bosniaco Miralem Pjanic, e sopratutto il capocannoniere dello scorso anno, l’attaccante argentino Gonzalo Higuain, strappato al Napoli, per 94 milioni una cifra astronomica, ma non è da trascurare neanche l’acquisto della giovane stella croata Marco Pjaça dalla Dinamo Zagabria. 

Questi ultimi due, partiranno sicuramente dalla panchina, assieme all’altro nome altisonante, il terzino brasiliano ex Siviglia Barcellona, Dani Alves, acquistato a parametro zero, poichè in scadenza di contratto con i catalani. Sarà intrigante in questa annata il ballottaggio con lo svizzero Stephan Lichtsteiner, che contro i viola dovrebbe partire titolare proprio a discapito del carioca. Per l’ex laziale è la sesta stagione in maglia bianconera, e per lui si susseguono anche voci di un possibile addio, ma per ora restano solo voci di mercato. I più osannati saranno Gianluigi Buffon, che inizia questa sera, l’ultimo biennio di una carriera fantastica, nonchè la quindicesima annata nella Torino bianconera; l’altro è il giovane attaccante argentino Paulo Dybala, che è chiamato alla riconferma, dopo uno scorso campionato assolutamente strepitoso e con alcuni gol da cineteca. La cosa più importante per la Juventus, però sarà partire bene, evitando così l’orribile “start” di dodici mesi fa, quando i bianconeri incassarono due sconfitte consecutive, cosa che non succedeva da quasi un secolo. Questo è però un gruppo, chiamato a far bene anche in campo internazionale, dove l’acuto finale manca ormai da troppi anni. Dall’altra parte però, c’è una squadra insidiosa come la viola e con un sistema di gioco, interessante e collaudato. La Firenze calcistica alle volte contro i bianconeri da il meglio di se stessa. La squadra di Paulo Sousa, è chiamata a confermare quanto di buono ha fatto vedere la scorsa stagione visto che nel primo terzo di torneo i viola sono stati, anche primi in classifica.

I toscani non sono stati molto ritoccati in questo calciomercato spiccano però gli arrivi di De Maio dal Genoa, C.Sanchez, dall’Aston Villa, gli uomini del tecnico portoghese, sanno di partire con il pronostico sfavorevole, ma nelle ultime due sfide di campionato hanno dato parecchio filo da torcere alla Juventus, uscendo sconfitti negli ultimi minuti di gioco. Josip Ilicic, Federico Bernardeschi, Matias Vecino Nikola Kalinic, sono i protagonisti più attesi dai tifosi fiorentini che allo stadium sfioreranno le 1.500 unità. l’incognita è Giuseppe Rossi, che giocherà dall’inizio, ma è sul piede di partenza, l’attaccante italo -americano ha grandi doti tecniche, ma un fisico fragile, per via dei tre gravi infortuni patiti al ginocchio destro negli ultimi quattro anni. Il tecnico portoghese non lo ha molto considerato, costringendolo nel gennaio scorso a tornare a scegliere la soluzione estera. Nonostante un’ottima squadra dal punto di vista globale, i tifosi continuano a non essere soddisfatti degli investimenti societari sul mercato essendo sempre in combutta con la famiglia Della Valle, proprietaria del club.

Un buon risultato contro la rivale storica, sarebbe gradito, ma i viola, hanno perso gli ultimi tre confronti consecutivi a Torino, per lo meno in campionato subendo la media di tre gol a partita e solo nel 2013/2014, furono sconfitti con il minimo scarto, grazie al gol gioiello di Kwadwo Asamoah. Meglio nelle coppe, dove hanno ottenuto una vittoria e un pareggio, inutili però nel doppio confronto e nel passaggio del turno. Altro elemento non incoraggiante è che nelle ultime due sfide la Fiorentina, abbia subito la rimonta juventina, non riuscendo a mantenere il vantaggio iniziale. Arbitra la partita il Sig. Massa di Imperia.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Breaking News