Connect with us

Italia

Serie A, ostacolo Sassuolo per la Juventus

Dopo la sosta per gli impegni di tutte le nazionali, i campionati più seguiti al mondo stanno per riprendere. E’ il caso della nostra Serie A, che è giunta alla terza giornata della nuova annata 2016/2017; come di consueto, salvo rare eccezioni, due saranno gli anticipi e nel primo, che si gioca nel tardo pomeriggio di domani, scende in campo la Juventus, penta campione d’Italia in carica, nonchè regina del calciomercato estivo. Allo “Stadium” di Torino, i bianconeri ospitano l’ambizioso Sassuolo, la vera sorpresa dello scorso campionato, con un’inatteso sesto posto, che è valso la storica prima qualificazione ad coppa internazionale. Per i bianconeri, inizia la prima settimana cruciale, con tre partite in sette giorni, tra campionato e coppa, chi arriva meglio a questa partita però, è di sicuro la “Vecchia Signora” viste le due vittorie consecutive, in altrettante partite disputate, con già tre reti all’attivo e solo una subita. Il match, registra l’attesissimo esordio, del centrocampista bosniaco Miralem Pjanic, in maglia bianconera. L’ex romanista, arrivato in bianconero, per una cifra assolutamente non indifferente, ha avuto problemi fisici, che gli hanno fatto saltare le difficili sfide contro Fiorentina Lazio, ma ora che gli impegni, diventeranno maggiori e ravvicinati il nuovo numero 4, potrebbe diventare una risorsa importantissima. La pausa, non ha portato infortuni, a nessun giocatore, e questo giova alle scelte di formazione di mister Massimiliano Allegri, che però non sa come stanno i giocatori sudamericani Alex Sandro, Juan Cuadrado, rientrati solo ieri, a Vinovo, e almeno questi due non dovrebbero trovare spazio dal primo minuto, contro gli emiliani neroverdi. l’altra stella argentina, ovvero, Paulo Dybala è pronto, poichè è dovuto tornare prima, saltando la partita contro il Venezuela, per squalifica, ed ha avuto più tempo per il recupero fisico, così come Gonzalo Higuain, che ha scelto di non rispondere alla convocazione albiceleste per recuperare, la forma fisica e atletica migliore e proprio mister 94 milioni, dovrebbe affiancare il giovane connazionale in attacco.

Tutto invariato in difesa, dove dal portiere ai difensori, dovrebbe vedersi una squadra tutta italiana, fatta eccezione per il marocchino Mehdi Benatia, riconfermato da Allegri, dopo la buona prova contro i laziali. A centrocampo, assieme a Pjanic, ci sarà il goleador, di questa primissima parte di stagione, ovvero, il tedesco Sami Khedira, concorrenza agguerrita e folta invece, sugli esterni, dove anche Dani Alves, anch’egli rientrato ieri, dovrebbe riposare e lo svizzero Stephan Lichtsteiner, una delle “rocce” della Juventus vincente di questo Quinquennio, dovrebbe partire titolare, essendo fuori lista in Champions League, mistero invece su chi giocherà sulla sinistra. Negli ospiti, non ci sarà, colui che la Juventus, l’ha rifiutata ovvero, l’attaccante calabrese Domenico Berardi, assente, per infortunio. Era tutto fatto, per un suo trasferimento in bianconero, ma la paura di giocare poco espressa dal diretto interessato, ha frenato il tutto all’ultimo momento. i bianconeri, però non possono dormire sugli allori, perchè il suo posto sarà preso da un ex, tanto amatissimo, quanto temuto, quel Alessandro Matri, che ha contribuito con i suoi gol, ad almeno due, dei cinque scudetti consecutivi, ma sopratutto alla conquista della decima Coppa Italia, con il gol decisivo nei tempi supplementari. Il morale della squadra di Eusebio Di Francesco era alle stelle, dopo la vittoria interna, sul neopromosso Pescara, per 2-1, ma essa è stata cancellata dalla Federcalcio, e trasformata in uno 0-3 a tavolino, per gli ospiti, perchè il Sassuolo ha schierato uno dei suoi nuovi acquisti, Antonino Ragusa non avendo avuto ancora il via dagli organi competenti, ma il ricorso presentato dalla società emiliana, deve dare ancora il suo responso. Comunque sia, punti alla mano, questa è una sfida al vertice. Gli emiliani si affidano al mix di gioventù ed esperienza nella loro rosa spicca un’altro ex bianconero, quel Federico Peluso, che a Torino, ha sempre dato il suo contributo, quando veniva chiamato in causa, la difesa si regge su P.Cannavaro Acerbi, a centrocampo occhio alla gioventù ed esplosività di Duncan, in avanti a fianco a Matri, i giovani veloci e terribili Defrel Politano. 

I neroverdi, devono sfatare un tabù, in tre precedenti a Torino, non segnato nemmeno una rete, anche se hanno perso quasi sempre con il minimo scarto, trafitti solo da grandissimi gol, nel finale, dopo buonissime prestazioni. Arbitrerà il sig. Di Bello di Brindisi.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Italia