Connect with us

Editoriali

Svolta tattica in vista o cambio forzato?

Lo 0-0 della Juventus contro il Barcellona è uno di quei risultati che ha lasciato l’amaro in bocca al tifoso juventino, che sognava di “vendicare” il 3-0 del Camp Nou. I rimpianti aumentano se si pensa a tutte le assenze dei catalani, incluso Lionel Messi che è partito clamorosamente dalla panchina. Juventus – Barcellona, però, potrebbe anche essere ricordata come la partita della svolta tattica, sì perché Massimiliano Allegri ha accantonato il 4-2-3-1 per un 3-4-3 che ha dato più sostanza al centrocampo. Che il cambio modulo sia dovuto all’assenza forzata di Giorgio Chiellini oppure ad una convinzione dell’allenatore lo scopriremo solamente nelle prossime partite.

Fatto sta che il nuovo modulo, con il centrocampo più folto, ha dato più equilibrio alla squadra bianconera, che non ha offerto molte palle goal alla formazione blaugrana che comunque ha avuto un netto predominio territoriale. 3-4-3 che nella parte finale del match si è trasformato in un 4-4-2, ed è in quel momento che la Juventus è andata più vicino alla vittoria con Douglas Costa e Paulo Dybala, l’argentino al minuto 92 ha avuto sul sinistro la palla della vittoria ma un miracoloso Ter Stegen ha fatto strozzare l’urlo in gola a tutti i tifosi juventini.

Il Barcellona, come da tema tattico di questa stagione, ha dimostrato una grande solidità difensiva, per informazioni chiedere a Paulo Dybala, asfissiato dalla marcatura dei giocatori del Barça ma che nonostante questo ha fatto una discreta partita ed ha avuto sul piede il pallone della possibile vittoria, una vittoria che avrebbe dato una svolta alla stagione. La svolta, però, potrebbe essersi palesata nel mezzo di una partita non certo esaltante dal punto di vista spettacolare ma molto solida dal punto di vista difensivo, con un centrocampo che riusciva bene a fare filtro. Sarà la svolta tattica tanto agognata dalla tifoseria bianconera? Napoli, Olympiakos, Inter e Roma daranno sicuramente risposte in tal senso.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

More in Editoriali